Ordine degli Ingegneri della provincia di Benevento

Mercoledi, 18 Ott

Ultime modifiche:14-10-2017

Tu sei qui: L'Ordine Regolamento Commissioni Tematiche

Regolamento Commissioni

COMMISSIONI TEMATICHE INTERNE

 

REGOLAMENTO

 

 

Indice:

Art.1 - Istituzione delle Commissioni Tematiche

Art.2 - Insediamento, durata e scioglimento della Commissione

Art.3 - Compiti della Commissione

Art.4 - Composizione delle Commissioni

Art.5 - Compiti del Consigliere Delegato

Art.6 - Il Segretario della Commissione

Art.7 - Eventuali Gruppi di Progetto

Art.8 - Modalità operative delle Commissioni

Art.9 - Archiviazione

Art.10 - Approvazione

Art.11 - Modifiche al regolamento

 

 

 

Art.1 – Istituzione delle Commissioni Tematiche

L’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Benevento (d’ora in avanti Ordine), propone di costituire apposite Commissioni Tematiche (d’ora in avanti Commissioni) con lo scopo di fornire al Consiglio dell’Ordine un supporto di carattere operativo attraverso la fornitura di elementi conoscitivi e di approfondimenti al fine di poter sviluppare attività o eventi utili agli iscritti attraverso attività tecnico-scientifiche e formative. Ciascuna Commissione ha carattere consultivo e quindi fornisce proposte al Consiglio dell’Ordine senza però essere organismo deliberativo.

Le aree tematiche delle Commissioni saranno individuate dal Consiglio dell’ Ordine con apposita delibera e costituiranno Commissioni.

 

Art.2 - Insediamento, durata e scioglimento della Commissione

Ciascuna Commissione ha durata naturale finalizzata al perseguimento dell’obiettivo; essa è costituita con delibera del Consiglio dell’Ordine che provvede alla nomina del relativo Consigliere Delegato. Lo scioglimento di una Commissione può avvenire per motivata decisione del Consiglio anche prima della scadenza temporale.

 

Art.3 - Compiti della Commissione

Le Commissioni operano nei settori tematici loro indicati dal Consiglio dell'Ordine svolgendo i seguenti principali compiti: forniscono consulenza al Consiglio; approfondiscono le tematiche di competenza; studiano e commentano leggi e norme; esaminano ed effettuano proposte riguardanti le problematiche professionali; producono articoli tematici da divulgare attraverso i canali informativi dell’Ordine; propongono l’organizzazione di eventi quali seminari, incontri tecnici, convegni, congressi, visite a luoghi d’interesse e similari.

 

Art.4 - Composizione delle Commissioni

Ciascuna Commissione deve essere costituita da:

  • Consigliere Delegato dal Consiglio dell’Ordine;
  • Segretario;
  • Componenti;
  • Eventuali Componenti Speciali.

Tutti coloro che compongono ciascuna Commissione, partecipano alle attività impegnandosi a titolo gratuito e rinunciando a qualsivoglia compenso o rimborso spese.

 

Art.5 - Compiti del Consigliere Delegato

Il Consigliere delegato ha la funzione di coordinamento della Commissione e il compito di costituire collegamento stabile ed efficiente tra la Commissione ed il Consiglio dell'Ordine; a lui spetta indicare gli indirizzi a carattere generale del Consiglio sulla base dei quali organizzare le attività e far si che siano assicurati il buon comportamento, la produttività ed il corretto funzionamento della Commissione.

Il Consigliere delegato propone al Consiglio tutte le iniziative approvate dalla Commissione.

Il Consigliere delegato, su richiesta della Commissione, invita eventualmente a singole riunioni esperti, anche non iscritti all’Ordine, che su specifici argomenti possano fornire pareri ed informazioni.

Il Consigliere delegato informa il Consiglio sulla attività della Commissione con una breve relazione, a cadenza almeno trimestrale, dalla quale risulti fra l'altro:

  • il numero delle riunioni della Commissione durante il trimestre precedente;
  • lo stato di attuazione del programma svolto;
  • i programmi da portare a compimento con eventuali proposte ed iniziative;
  • l'elenco dei partecipanti alle riunioni della Commissione;
  • altre eventuali esigenze ed osservazioni relative al funzionamento della Commissione.

È compito del Consigliere delegato controllare i documenti predisposti dalle Commissioni, prima della loro presentazione al Consiglio dell'Ordine per l'approvazione.

Il Consigliere delegato sarà individuato, ove possibile, tra i Consiglieri con competenze sulle materie trattate

 

Art.6 - Il Segretario della Commissione

Il Segretario della Commissione viene individuato dal Consigliere Delegato nel più giovane partecipante alla seduta; egli cura l’attività di segreteria in sintonia con il Consigliere Delegato svolgendo le seguenti attività: redige il verbale della riunione della Commissione, che trasmette al termine della seduta al Consigliere Delegato.

 

Art.7 - Eventuali Gruppi di Progetto

Ogni Commissione può costituire uno o più Gruppi di Progetto su proposta del Consigliere Delegato della Commissione, finalizzati al perseguimento di attività con limiti temporali prestabiliti; il Consigliere Delegato dovrà individuare per ciascun Gruppo di Progetto, oltre alle attività da svolgere e ai limiti temporali, un Responsabile delle attività del Gruppo.

I Componenti di ciascun Gruppo di Progetto devono essere in numero adeguato agli scopi dell’attività da svolgere, apportando il proprio contributo di idee e di esperienza.

Ciascun Gruppo di Progetto termina il proprio mandato con il raggiungimento degli obiettivi stabiliti al momento della sua costituzione, che saranno sottoposti all’attenzione della Commissione.

 

Art.8 - Modalità operative delle Commissioni

Le Commissioni si riuniscono presso la sede dell'Ordine, con cadenza almeno mensile, mediante autoconvocazione. Della data delle riunioni viene dato avviso ai componenti tramite calendario da rendere disponibile presso la segreteria dell'Ordine (bacheca) e sul sito Internet.

La convocazione non prevista della Commissione può essere richiesta, per particolari motivi, dal Consigliere Delegato.

Le Commissioni si avvalgono di norma, per lo svolgimento dei propri compiti, della logistica dell'Ordine.

Di ogni riunione viene redatto breve verbale che indichi succintamente il lavoro svolto con indicazione dei presenti.

I verbali vengono redatti e numerati di seguito su libro dei verbali di ciascuna Commissione e sottoscritti dal Consigliere Delegato e dal Segretario.

La Commissione deve prioritariamente redigere un suo programma comprendente la previsione dei gruppi di lavoro che si intendono costituire e le finalità degli stessi.

Sia all'interno delle Commissioni che dei gruppi di lavoro le decisioni vengono prese con la maggioranza semplice dei presenti.

 

Art.9 - Archiviazione

Tutta la documentazione connessa con le attività delle Commissioni va custodita in originale presso la segreteria dell'Ordine e rimane a disposizione di tutti gli iscritti.

Tutti gli iscritti, o i componenti le Commissioni, possono fare copie della documentazione disponibile.

I diritti prodotti da documenti e/o eventi provenienti dalle attività delle Commissioni sono di esclusiva proprietà dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Benevento.

 

Art.10 - Approvazione

Il presente regolamento è stato approvato dal Consiglio nel corso della seduta del 9 marzo 2015.

 

Art.11 - Modifiche al regolamento

Eventuali modifiche o integrazioni del presente Regolamento, potranno essere apportate dal Consiglio dell’Ordine.